Neurogenetica: nuove terapie, intesa fondazione Montalcini-Cina

1321

 

(AGI) – Catanzaro, 17 apr. – Un accordo tra Italia e Cina per sviluppare, nella lotta alle malattie neurodegenerative, le applicazioni terapeutiche della molecola Ngf e di nuove varianti ottenute all’Ebri. E’ quello rinnovato da Giuseppe Nistico’, direttore generale dell’Ebri (European Brain Reserach Institute, fondato da Rita levi Montalcini Montalcini) ed ex presidente della Regione Calabria, e Aihua Pan, presidente della Sino Bioway Group.Co. “L’Ngf – spiega una nota dell’Ebri – rappresenta il fattore di crescita delle cellule nervose per la cui scoperta la prof.ssa Rita Levi-Montalcini ha ricevuto il premio Nobel nel 1986. L’accordo siglato lo scorso anno e ora rinnovato per gli anni 2012 e 2013, dopo la valutazione dei risultati delle ricerche condotte presso l’Ebri durante il primo anno prevede di continuare a svolgere all’Ebri, con un finanziamento di circa tre milioni ricerche precliniche per l’applicazione terapeutica dell’Ngf e di sue varianti parimenti efficaci e meglio tollerate. L’Ebri infatti – si fa rilevare – possiede un brevetto di un nuovo Ngf ricombinante umano scoperto dal prof. Antonino Cattaneo, direttore scientifico dello stesso Istituto”. “Questa nuova forma di Ngf, come hanno documentato le ricerche dello stesso Cattaneo e del gruppo di ricerca diretto dal prof. Calissano – prosegue il comunicato – e’ una forma cosiddetta ‘indolore’ rispetto all’Ngf originario umano, il cui effetto collaterale piu’ grave e’ rappresentato da forti dolori nei pazienti. In vari modelli sperimentali di malattia di Alzheimer, inoltre, e’ stato dimostrato come la nuova variante dell’Ngf sia in grado di migliorare i meccanismi dell’apprendimento e della memoria”. I risultati delle ricerche sviluppate in Italia saranno oggetto di sperimentazioni cliniche e di applicazioni terapeutiche in Cina dove la Bioway Biotech di Xiamen e’ stata la prima Industria al mondo ad immettere in commercio l’NGF murino (Nobex) per il trattamento di polinevriti da intossicazione da exano e da metalli pesanti.
“L’accordo dell’Ebri con la Bioway Biotech – ha detto Nistico’ – dimostra come un’impresa di biotecnologie della Repubblica Cinese ha saputo valorizzare il know-how proveniente dalla genialita’ e creativita’ di ricercatori italiani, come la professoressa Levi-Montalcini e i suoi allievi, al fine di sviluppare con prodotti innovativi terapie avanzate nel controllo della malattia di Alzheimer e potenzialmente di altre patologie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, la Sclerosi Laterale Amiotrofica e la Corea di Huntington. Inoltre – continua Nistico’ – l’Ngf e’ stato trovato in grado di controllare significativamente, come dimostrato, da una sperimentazione clinica controllata, dal prof. Roberto Bernabei dell’Universita’ Cattolica di Roma, le piaghe da decubito.
Altre potenziali indicazioni sono rappresentate dalle lesioni da neuropatia diabetica e da lesioni della cornea che portano a cecita’.

READ MORE

Fonte: AGI

 

Print Friendly, PDF & Email