Convegno “La chiamano danza ma si pronuncia malattia”

1149

In occasione della presentazione dei risultati della ricerca condotta dall’Osservatorio e Metodi per la Salute (OsMeSa), Università degli Studi di Milano Bicocca  e dall’Associazione Italiana Còrea di Huntington – AICH Milano Onlus

In occasione della presentazione dei risultati della ricerca condotta dall’Osservatorio e Metodi per la salute (OsMeSa), Università degli studi di Milano Bicocca e dall’Associazione Italiana Corea di Huntington AICH Milano Onlus, lunedì 25 febbraio, si terrà il Convegno “La chiamano danza ma si pronuncia Malattia. Il pensiero sociale nella Còrea di Huntington”.

La comparsa della Malattia di Huntington (Còrea Major) altera gli equilibri familiari in quanto insorgono problemi che vanno dall’accettazione della malattia a problemi legati alla modifica dei rapporti affettivi e comportamentali del malato alla cura del malato stesso. Un insieme di caratteristiche che sfida le relazioni familiari, le istituzioni sociosanitarie, le scelte etiche. La mancata conoscenza della malattia comporta grandi difficoltà nel reperimento di professionisti competenti in grado di agire nella sua complessità.

Questo convegno, che riunisce studiosi di diverse discipline, propone di interrogare la malattia nella sua singolarità, ma anche come evento speciale paradigmatico, partendo dalla storia del suo gene (che può illuminare sul destino evolutivo del cervello umano), fino alle implicazioni per la vita individuale e familiare, la relazione operatore sanitario-paziente, la ricerca farmacologica, l’associazionismo e la tutela del diritto universale di cittadinanza.

La presenza di importanti figure istituzionali dell’amministrazione pubblica e del mondo accademico e il prezioso contributo di scienziati, ricercatori, docenti universitari, operatori sanitari e rappresentanti dell’ associazionismo consentirannoun esercizio innovativo di pensiero sociale per favorire una crescita strutturata efficiente ed efficace, delle istituzioni territoriali e promuovere strategie comuni, condivisione di saperi e risorse, per affrontare le problematiche a cui sono esposte le persone e le famiglie affette dalla Malattia di Huntington.

Fra le tante illustri presenze ospitate segnaliamo: Elena Cattaneo una delle più valenti neuroscienziate italiane, Gilberto Corbellini voce intelligente e critica della bioetica e dello studio della storia della medicina, Armando Massarenti filosofo e responsabile del supplemento culturale de Il Sole 24 ore, Lars Bordingresponsabile di centro abitativo e di servizio sociale danese per l’Huntington, Lucia Monaco direttore scientifico di Telethon, Patrizia Spadin presidente dell’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer. E’ prevista inoltre la partecipazione degli Onn. Ignazio Marino e Franca Biondelli, della Vicepresidente del Consiglio Regionale Lombardia Sara Valmaggi, dell’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino, del direttore scientifico della Fondazione Carlo Besta Ferdinando Cornelio.

Concluderà i lavori un intervento artistico del musicista Shel Shapiro dedicato a Woody Guthrie e ai valori della Costituzione Italiana.

Il Convegno si svolgerà nella prestigiosa sede l’Aula Magna dell’Università di Milano Bicocca dalle 9 alle 17. Una giornata intensa supportata da molte speranze.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

 



Copyright: All rights of any text or trademarks mentioned in the article are reserved to their respective owners.

AICH ROMA ONLUS